........attendi qualche secondo.

#adessonews ultime notizie, foto, video e approfondimenti su:

cronaca, politica, economia, regioni, mondo, sport, calcio, cultura e tecnologia.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

 

Abi: mutui, tassi salgono a 1,6% a marzo 2022. Erogazioni a tasso fisso scese dell’1% #adessonews

Abi, Rapporto mensileA marzo 2022 i tassi sui mutui si sono attestati in media a 1,60%, in aumento rispetto all’49% di febbraio e all’1,45% di gennaio. È quanto emerge dal Rapporto mensile dell’Abi (Associazione bancaria italiana), che sintetizza l’andamento dei tassi fissi e variabili ed è influenzato anche dalla variazione della composizione fra le erogazioni in base alla tipologia di mutuo. Il tasso medio calcolato dall’associazione bancaria era pari a 1,37% a marzo 2021 ma si mantiene comunque su lavori più bassi rispetto ai livelli di fine 2007 (5,72%).

Tassi di interesse bancari nel 2022 (medie mensili – valori %)

Mese di riferimento

Tassi sui mutui (nuove operazioni)

Tasso di riferimento Bce

Euribor a 3 mesi (Area euro)

Irs a 10 anni (Area euro)

Gennaio 2022

1,45%

0,00%

-0,56%

0,38%

Febbraio 2022

1,49%

0,00%

-0,53%

0,76%

Marzo 2022

1,60%

0,00%

-0,50%

0,99%

Fonte: Monthly outlook Abi

L’andamento dei tassi sui mutui nel 2021

All’inizio del 2021 il tasso dell’Abi era pari a 1,27%. È poi passato a 1,29% a febbraio, a 1,37% a marzo, 1,38% ad aprile, 1,40% a maggio e 1,42% a giugno. Ha poi avuto un andamento altalenante, facendo registrare l’1,40% a luglio, l’1,46% ad agosto, l’1,39% a settembre e l’1,43% a ottobre. Era all’1,44% a novembre.

Tassi di interesse bancari nel 2021 (medie mensili – valori %)

Mese di riferimento

Tassi sui mutui (nuove operazioni)

Tasso di riferimento Bce

Euribor a 3 mesi (Area euro)

Irs a 10 anni (Area euro)

Gennaio 2021

1,27%

0,00%

-0,55%

0,22%

Febbraio 2021

1,29%

0,00%

-0,54%

0,06%

Marzo 2021

1,37%

0,00%

-0,54%

0,02%

Aprile 2021

1,38%

0,00%

-0,54%

0,07%

Maggio 2021

1,40%

0,00%

-0,54%

0,14%

Giugno 2021

1,42%

0,00%

-0,54%

0,10%

Luglio 2021

1,40%

0,00%

-0,55%

0,00%

Agosto 2021

1,46%

0,00%

-0,55%

-0,09%

Settembre 2021

1,39%

0,00%

-0,55%

0,06%

Ottobre 2021

1,43%

0,00%

-0,55%

0,23%

Novembre 2021

1,44%

0,00%

-0,57%

0,18%

Dicembre 2021

1,40%

0,00%

-0,58%

0,17%

Fonte: Monthly outlook Abi

Erogazioni a tasso fisso in calo rispetto a febbraio (87,6% del totale)

A marzo sul totale delle nuove erogazioni di mutui l’87,6% erano mutui a tasso fisso. Pur avendo registrato un calo di un punto percentuale rispetto all’88,6% del mese precedente, la componente di mutui a tasso fisso si mantiene comunque su livelli più elevati rispetto all’86,4% di gennaio e all’83,8% di dicembre 2021.

Il Rapporto mensile dell’Abi riepiloga nuovamente i dati del Sondaggio congiunturale sul mercato delle abitazioni in Italia di marzo 2022 della Banca d’Italia, secondo i quali nel quarto trimestre del 2021 la quota di acquisti di abitazioni finanziati con mutuo ipotecario è salita al 73% dal 71,3% del periodo precedente, avvicinandosi ai valori dell’estate del 2019. E il rapporto fra l’entità del prestito e il valore dell’immobile (loan to value, ltv) è rimasto pressoché stabile rispetto al trimestre precedente e si è attestato al 78%.

I tassi degli altri prestiti

Secondo il bollettino mensile dell’Abi, a marzo 2022 “il tasso medio sul totale dei prestiti è risultato pari al 2,14% (stesso valore nel mese precedente e 6,18% prima della crisi, a fine 2007). Il tasso medio sulle nuove operazioni di finanziamento alle imprese è l’1,19% (1,09% il mese precedente; 5,48% a fine 2007”.

Dinamica dei prestiti bancari

A marzo 2022, i prestiti a imprese e famiglie sono aumentati del 2,6% rispetto allo stesso mese del 2021. “Tale evidenza emerge dalle stime basate sui dati pubblicati dalla Banca d’Italia, relativi ai finanziamenti a imprese e famiglie (calcolati includendo i prestiti cartolarizzati e al netto delle variazioni delle consistenze non connesse con transazioni, ad esempio, variazioni dovute a fluttuazioni del cambio, ad aggiustamenti di valore o a riclassificazioni) – precisa il report dell’Associazione bancaria -. A febbraio 2022, per i prestiti alle imprese si registra un aumento dell’1,2% su base annua. L’aumento è del 3,8% per i prestiti alle famiglie”.

Il Rapporto mensile dell’Abi riepiloga nuovamente i dati ufficiali della Banca d’Italia, secondo i quali a febbraio 2022 la dinamica dei prestiti alle imprese non finanziarie è risultata pari a +1,2% (+0,9% nel mese precedente, -5,9% a novembre 2013, il picco negativo). Il totale dei prestiti alle famiglie è cresciuto del +3,8% (+3,7% nel mese precedente; -1,5% a novembre 2013). La dinamica dei finanziamenti alle famiglie è risultata in aumento rispetto al mese precedente sia per la componente dei mutui per l’acquisto di abitazioni (+5,1% rispetto a 4,9% del mese precedente), che per quella del credito al consumo (+1,5% rispetto a +1,4% nel mese precedente).

Secondo quanto emerge dall’ultima indagine trimestrale sul credito bancario (Bank Lending Survey – febbraio 2022) di Bankitalia, “nel quarto trimestre del 2021 i criteri di offerta sui prestiti alle imprese hanno mostrato un lieve allentamento, riconducibile a una minore percezione del rischio. Anche i criteri di offerta applicati ai finanziamenti alle famiglie – per l’acquisto di abitazioni e per il credito al consumo – sono divenuti più distesi. I termini e le condizioni sui prestiti approvati sono stati invece lievemente irrigiditi in tutti i segmenti, in particolare tramite un aumento dei margini per i finanziamenti più rischiosi. Nel trimestre in corso i criteri sui prestiti alle imprese e alle famiglie rimarrebbero invariati. La domanda di prestiti bancari da parte delle imprese e delle famiglie è aumentata, riflettendo principalmente la maggiore necessità di scorte e capitale circolante, il miglioramento della fiducia dei consumatori, i cambiamenti del regime tributario nel mercato degli immobili e l’incremento della spesa per beni di consumo durevoli. Nel trimestre in corso l’espansione della domanda da parte delle imprese si interromperebbe mentre proseguirebbe quella delle famiglie”.

Pari a 18,1 miliardi le sofferenze nette a febbraio 2022

Le sofferenze, al netto delle svalutazioni e accantonamenti già effettuati dalle banche con proprie risorse, a febbraio 2022 erano pari a 18,1 miliardi di euro, inferiori rispetto ai 20,1 miliardi di febbraio 2021 (-2,0 miliardi pari a -9,9%) e ai 26,4 miliardi di febbraio 2020 (-8,3 miliardi pari a -31,4%). “La riduzione è stata di 70,7 miliardi (pari a -79,6%) rispetto al livello massimo delle sofferenze nette raggiunto a novembre 2015 (88,8 miliardi). Il rapporto sofferenze nette/impieghi totali si è attestato all’1,04% (era 1,16% a febbraio 2021, 1,55% a febbraio 2020 e 4,89% a dicembre 2015)”, conclude l’analisi.

Source

“https://www.simplybiz.eu/abi-mutui-tassi-marzo-2022/”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐
Clicca qui

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

 
Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione richiesta.
Riceverai in tempi celeri una risposta.